Connect with us

Spettacoliamo.it

Zubin Mehta al San Carlo per il Fidelio di Beethoven

Classica

Zubin Mehta al San Carlo per il Fidelio di Beethoven

Zubin Mehta al San Carlo. Zubin Mehta torna al San Carlo per dirigere Fidelio di Ludwig van Beethoven in forma di concerto con un cast internazionale e Sonia Bergamasco voce recitante: debutto sabato 23 settembre (alle ore 19) e replica lunedì successivo (alle ore 20). Il direttore onorario del Massimo napoletano ritroverà Orchestra e Coro della Fondazione dopo i recenti successi al Duomo di Milano e al Festival di Granada.
«La prima volta che ho diretto Fidelio è stato nel 1969 – sottolinea il maestro indiano, che vanta circa 80 direzioni del titolo -. Quest’opera è portatrice di ideali di pace e di fratellanza e Beethoven qui propone un messaggio definitivo: la vittoria dello spirito sui soprusi terreni». Fidelio sarà interpretato da un cast di pregio: Anja Kampe (già Leonore alla Scala e a Vienna), Peter Seiffert (Florestan), Samuel Youn (Don Fernando), Evgeny Nikitin (Don Pizarro), Wilhelm Schwinghammer (Rocco), Barbara Bargnesi (Marzelline) e Paul Schweinester (Jaquino).
Zubi Mehta è nato da una famiglia indiana parsi a Bombay (oggi Mumbai). Suo padre, pioniere della musica occidentale in India, è stato violinista, direttore d’orchestra e nel 1935 fondò la Bombay Symphony Orchestra. Zubin studiò al liceo Santa Maria a Mazagoan (Bombay). Inizialmente attratto dagli studi in medicina, decise poi di studiare musica e all’età di diciotto anni si recò a Vienna, dove seguì i famosi corsi di perfezionamento del maestro Hans Swarowsky, frequentati in quel periodo anche dal direttore d’orchestra Claudio Abbado e dal pianista e direttore Daniel Barenboim. Nel 1958 debuttò a Vienna come direttore d’orchestra e nello stesso anno vinse il Concorso internazionale di direzione d’orchestra di Liverpool e divenne assistente direttore presso la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra. Presto passò al rango di direttore principale, assumendo l’incarico di direttore musicale della Montreal Symphony Orchestra (Orchestra Sinfonica di Montreal) nel 1960, posto che tenne sino al 1967.
Fidelio. E’ un’opera musicale ideata da uno dei maggiori compositori della storia della musica mondiale: Ludwig van Beethoven. Da un punto di vista prettamente tecnico, Fidelio può essere indicata come un Singspiel, ossia un’opera che prevede alcune parte cantate e altre semplicemente parlate. L’opera è stata suddivisa da Beethoven in due atti e, stando ad alcuni documenti, dovrebbe essere stata composta nel lasso di tempo che va tra il 1803 e il 1805. Il dato certo che la prima rappresentazione è avvenuta il 20 novembre 1805 a Vienna e per la precisione nel Teatro Theater and der Wien, con la direzione del maestro Ignaz von Seyfried, che rappresenta un’altra pietra miliare di questo genere musicale. Altra cosa certa è che questa è l’unica opera scritta da Beethoven. L’opera come detto, si disloca su due atti, ed è basata o ,quanto meno il soggetto è stato tratto, dallo scritto “Leonore ou l’amour conjugal” di Jena Nicola Bouilly, che inizialmente era stato pensato per un altro musicista, ossia Pierre Gaveuax, che avrebbe dovuto comporre una musica adatta, ma poi non se ne fece più nulla per una serie di ragioni. La storia raccontata in Fidelio è un fatto realmente accaduto in Francia durante il periodo che è stato chiamato e conosciuto come Terrore e che fu la conseguenza degli eccessi sotto tale punto di vista della Rivoluzione Francese.

Siamo un gruppo di giovani giornalisti con la passione per tutto ciò che è bellezza. Musica, arte, cinema, teatro, letteratura: è un elenco che in realtà potrebbe essere infinito.

Clicca per commentare

Lascia un messaggio

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Classica

To Top